giovedì 29 gennaio 2015

SAMURAI AND STAR WARS - ALESSANDRO'S BLOG





Hello everyone!
Today we will talk about STAR WARS but not as usually seen...this time is "oriental view"!
Well, yes: my blog friend Alessandro Montosi, has allowed me to include in my space, that is a cross between East and West, this “version” of the famous film by George Lucas.
This article can be found also in his blog : http://alemontosi.blogspot.it/

I want to thanks Alessandro to let me speak about this theme very important to me!
I wish you good reading! :)

Jedi and Samurai – The links between George Lucas and Japan

In 1977 came out in cinemas around the world Star Wars, now better known as Episode IV – A new hope. Directed by George Lucas, this movie is destined to become the founder of a great sci-fi saga, which is still continuing and active on several media fronts.
Proof of this, is the continued production of video games, animated series, novels and every other kind of product that helps to expand the fictional universe created by the filmmaker. This are the result of a big success movie which influenced strongly the science fiction cinema and also producing animated and internationally comics in particular in Japan is greeted with great enthusiasm and immediate influence on the animation of Japan, this creating a cultural exchange between the U.S. and Japan. As prevously Lucas also drew on the works and culture of the country of the Rising Sun for creating Star Wars.




For the creation of his film saga, in fact, Lucas took inspirations on lots of sources, mixing comic culture from american comics (Flash Gordon, Buck Rogers), fantasy movie and cinematography (western genre, the british horror from the presence of actors Peter Cushing and David Prowse) robot design of Metropolis (1927) by Fritz Lang, literature as the novel The War of the Worlds, psychological (edipic conflict between father and son) and religious (the Jedi Knight's Force).





As noted above, there were also lots of references to Japanese culture: in Akira Kurosawa The Hidden Fortress (1958) we can found the sequence of the “dialogue” between the two droids walking alone on the desert planet Tatooine, bickering and then rejoin after a series of events and their friendship became more stronger.
A similar sequence is in fact presented at the beginning of Kurosawa's film where two thieves walking in a desolate valley and then quarrel and divide but after coming together and being friends.
Obi Wan Kenobi is another point in common between the two movies: like tha character played by Toshiro Mifune in The Hidden Fortress, Kenobi is apparently an old man who live alone in the mountains, but in reality is a brave warrior. 










Lucas confessed that he was inspired to strict code of honor of the samurai, in particular after watching the film Seven Samurai (1954).This movie impressed George Lucas as seen by the following words: “The first time I saw Seven samurai I was astounded by the extraordinary energy that came from the screen, it was an unforgettable cultural shock for me. (see Aldo Tassone, Akira Kurosawa, Il Castoro, 2004, p.77).
In the movie Kurosawa tells the story of a few samurai who accept the risky task of protecting a village of poor peasants from wild bandits. Although the farmers, apart from gratitude, do not have much to offer in payment, the samurai deicde to make this honorable mission, aware of the sufference of the peasants.


The term Jedi is inspired by the japanese word “jidai-geki” which is usually used to refer costume samurai's movie.
Another japanese reference is Darth Vader's face inspired by the helmet of the ancient samurai which most of the time covers the whole face of the wearer.
The japanese word for helmet is kabuto which was used by Go Nagai for the last name of the main character of Mazinger Z (Koji Kabuto) to emphasize how it represented the mind of the giant robot that must drive.




Given the presence of these references to Japanese culture it is therefore easier to understand how the saga of Lucas has been enthusiastically received in Japan, immediately becoming the object of citation in many anime.
Some of the most striking examples of these quotes can be found in the TV series robotics Daitarn 3 (broadcast in Japan from june 1978 to march 1979), where in the soundtrack there is a duel between two characters, the Haran Banjo and his meganoid enemy, both armed with a lightsaber, which is the traditional weapon of the Jedi Knight.



The fact that the original name of the japanese meganoids satellite is “Death Star” (the same name used in Star Wars for Giant Empire Weapon) makes it very clear what was the source of inspiration of Daitarn 3.
In other anime we can remember Gundam where the main character's weapon is a laser sword, Invincible Robo Trider G7 the evil lord Zakuron fight with a big laser sword. In the movie Adieu Galaxy Express 999 (1981) directed by Rin Taro, the main character Tetsuro has to fight against a robot knight called Faust which face is almost covered by an helmet. As we can remember also Luke Skywalker fight against his enemy without knowing who is hiding behind the helmet of his opponent.



Even after many years, the saga of Lucas continues to fascinate, influence and inspire artist Japanese, just think that at the end of the 90s were made of the manga adaptations of the three films of the classic trilogy, along with comic book version of the film Star Wars Episode I (1999) by Kia Asamiya (Silent Moebius and Dark Angel).




What we want to emphasize here is the description is how fascinating and potentially strong is the contact and cultural exchanges between the two countries apparently far away as the USA and Japan, but where artist can receive interest, passion and curiosity for works produced in other countries, enriching their culture and creating points of contact even sometimes there is fear or intolerance towards everything is apart from us.







JEDI E SAMURAI - I LEGAMI TRA GEORGE LUCAS E IL GIAPPONE

Ciao a tutti! In grande attesa del nuovo lungometraggio oggi si parla di Guerre Stellari...ma non come l'avete sempre immaginata bensì in chiave Orientale

Ebbene si: il mio amico Alessandro Montosi, nonchè amico di blog e scrittore di diversi libri sui manga giapponesi tra i quali Mazinga (editrice La Feltrinelli), mi ha permesso di inserire nel mio spazio - che è un incrocio tra Oriente e Occidente - questa sua "versione" del famoso film di George Lucas. 

Questo articolo lo trovate anche nel suo blog : http://alemontosi.blogspot.it/

Ringraziando Alessandro vi auguro una Buona lettura! :)


 Jedi e Samurai - I legami tra George Lucas e il Giappone



Nel 1977 esce, nei cinema di tutto il mondo, Guerre Stellari (Star Wars, ora meglio noto come Episodio IV - Una nuova speranza) di George Lucas, destinato a divenire il capostipite di una grande saga fantascientifica, tuttora in prosecuzione e attiva su più fronti mediali.



Locandina italiana di "Guerre Stellari"

Ne è testimonianza emblematica la continua produzione di videogiochi, serie animate, romanzi e ogni altro genere di prodotto derivativo che contribuisce a espandere l’universo narrativo creato dal cineasta -, ad avere un enorme successo in tutto il mondo e ad influenzare fortemente il cinema fantascientifico (ma anche il cinema americano tout court, basti pensare alla sempre più massiccia presenza, negli anni successivi, di pellicole sempre più costose in cui si ricorre ai progressi fatti nel campo degli effetti speciali, sonori e visivi dall’Industrial Light & Magic, azienda fondata proprio da Lucas) e anche la produzione animata e fumettistica internazionale, in particolare in Giappone, dove la pellicola di Lucas viene accolta con grande entusiasmo ed  esercita un’influenza immediata sull'animazione nipponica, creando così un reciproco scambio culturale tra USA e Giappone, poiché in precedenza Lucas aveva ampiamente attinto anche a opere e cultura del paese del Sol Levante per creare Guerre Stellari.poiché in precedenza Lucas aveva ampiamente attinto anche a opere e cultura del paese del Sol Levante per creare Guerre Stellari.

Il design del robot di "Metropolis" ispirò quello del droide D-3BO (C-3PO)
Per l’ideazione della sua saga cinematografica, infatti, Lucas si è basato su molteplici fonti, mescolando cultura fumettistica - Flash Gordon, Buck Rogers -, fiabesca - la principessa da salvare in Guerre Stellari -, cinematografica - i vecchi serial americani degli anni ’30 con protagonisti i già citati Flash Gordon e Buck Rogers, il cinema western, l'horror britannico per la presenza degli attori Peter Cushing e David Prowse, il design del robot di Metropolis (1927) di Fritz Lang -, letteraria - il romanzo La Guerra dei Mondi di H. G. Wells per la creazione dei “Quatropodi Imperiali”, presenti nella parte iniziale de L’Impero colpisce ancora, sequel del 1980 del primo film di Lucas -, psicologica - conflitto edipico tra padre e figlio -, e religiosa - la Forza dei cavalieri Jedi -.

Locandina giapponese del film "La fortezza nascosta"
Come scritto sopra, non mancano nemmeno numerosi riferimenti alla cultura nipponica. Nel corso di Guerre Stellari, infatti, è riscontrabile un’evidente influenza del film La fortezza nascosta (1958) di Akira Kurosawa, ad esempio nella sequenza del “dialogo” tra i due droidi (C1-P8 e D-3BO, chiamati R2-D2 e C3-PO nell’edizione originale) che camminano soli sul pianeta desertico Tatooine, bisticciando e finendo col separarsi, per poi tornare a ricongiungersi dopo una serie di eventi e rinsaldare la loro amicizia.
Una sequenza analoga è infatti presente all’inizio del film di Kurosawa, dove due ladruncoli camminano in una valle desolata per poi litigare e dividersi, ma riunendosi successivamente, tornando ad essere amici. Altre analogie tra il film di Lucas e quello di Kurosawa sono presenti nella sequenza del primo incontro con Obi-Wan Kenobi (in apparenza un vecchio eremita, mentre in realtà è un anziano e valoroso cavaliere Jedi), che ricorda (per ambientazione e tecnica narrativa) l’incontro dei due ladri col guerriero misterioso interpretato da Toshiro Mifune (anche in questo caso il personaggio di Mifune sembra essere solo un burbero montanaro, ma in realtà è un coraggioso samurai che deve proteggere una principessa da un malvagio esercito).



Per il corretto comportamento che i cavalieri Jedi devono mantenere e rispettare nel vivere e nel combattere per proteggere l’umanità (pena il cedimento al Lato Oscuro della Forza), Lucas ha confessato di essersi ispirato al rigoroso codice d’onore dei samurai, in particolare alla caratterizzazione che ne dà il film I sette samurai (1954) di Kurosawa, film che impressionò molto il regista statunitense, come si evince dalle sue seguenti parole: "La prima volta che ho visto I sette samurai sono stato sbalordito dalla straordinaria energia  che si sprigionava dallo schermo, fu per me uno shock culturale indimenticabile" (cfr. Aldo Tassone, Akira Kurosawa, Il Castoro, 2004, p. 77).

In quel film di Kurosawa (divenuto oggetto di un remake animato, con la serie Samurai 7 del 2004), si racconta la storia di alcuni samurai che accettano il rischioso compito di proteggere un villaggio di poveri contadini da dei feroci briganti. Anche se i contadini, a parte la gratitudine, non hanno molto da offrire in pagamento, i samurai decidono lo stesso di compiere questa onorevole missione, consapevoli della sofferenza provata dai contadini.
Per la creazione del termine “Jedi” (pronunciato “giedai” in inglese), inoltre, Lucas si ispira alla parola giapponese “jidai-geki” che solitamente è utilizzata per indicare i film in costume coi samurai, come le già citate due opere di Kurosawa. Un ulteriore riferimento alla cultura nipponica è rappresentato dal volto di Dart Fener (Darth Vader in originale), ispirato agli elmi degli antichi samurai, che a volte ricoprivano l'intero volto di chi li indossava. Il termine nipponico che indica gli elmi dei samurai è “kabuto”, che venne utilizzato da Go Nagai per il cognome del protagonista di Mazinga Z (Koji Kabuto), per sottolineare come esso rappresentasse la mente del robot gigante che deve pilotare.
Dalla sigla di testa di "Daitarn 3"
Data la presenza di questi ed altri riferimenti alla cultura nipponica, è dunque più facile comprendere come la saga di Lucas sia stata accolta con entusiasmo in Giappone, divenendo fin da subito oggetto di citazione in numerosi anime. Alcuni degli esempi più eclatanti di queste citazioni sono riscontrabili nella serie tv robotica Daitarn 3 (trasmessa in Giappone dal 03/06/1978 al 31/03/1979), dove fin nella sigla di testa viene brevemente mostrato un duello tra due personaggi, il protagonista Haran Banjo e una sua nemica meganoide, entrambi armati con una spada laser, cioè la tradizionale arma dei cavalieri Jedi.

Nel corso di Daitarn 3 divengono poi ancora più espliciti i riferimenti al film di Lucas, basti pensare che nell’ep. 22 dell’anime, c’è un personaggio intenzionato a realizzare un remake di Guerre Stellari (vedasi il nuovo e più corretto doppiaggio italiano presente nei dvd della serie editi da Dynit, poiché nella prima edizione italiana di Daitarn, il film di Lucas venne ribattezzato “la guerra degli spazi”)! 

Dall'ep. 22 di "Daitarn 3"
Nell’ep. 32, invece, un comandante meganoide cerca di distruggere la villa in cui vive Banjo, servendosi di un satellite artificiale (dalla forma di un piccolo pianeta), collocato nello spazio e dotato di un devastante cannone energetico. Il fatto che il nome originale nipponico del satellite del meganoide sia “Death Star” (cioè il nome originale inglese della “Morte Nera” presente in Guerre Stellari), rende davvero palese quale sia stata la fonte di ispirazione dello staff di Daitarn 3.

Gundam
Tra i tanti anime in cui è avvertibile l’influenza della saga di Lucas, segnaliamo Gundam - una delle armi principali del robot protagonista è una sorta di spada laser - , Trider G7 - dove il malvagio Lord Zakuron combatte armato di una gigantesca spada laser rossa - e soprattutto il film cult d’animazione Addio Galaxy Express 999 – Capolinea Andromeda (1981) di Rin Taro, in cui il protagonista Tetsuro (“Masai” nell’edizione italiana della rispettiva serie tv) deve scontrarsi con un misterioso e oscuro cavaliere robotico chiamato Faust, il cui volto è parzialmente coperto da una sorta di elmo. Come accade a Luke Skywalker nel duello con Dart Fener nel finale de L’Impero colpisce ancora, anche Tetsuro non è consapevole di chi si nasconda realmente dietro l’elmo del suo avversario…







Anche a distanza di molti anni, la saga di Lucas continua ad affascinare, influenzare ed entusiasmare gli artisti nipponici, basti pensare che alla fine degli anni ’90 vennero realizzati degli adattamenti manga dei tre film della trilogia classica, insieme alla versione a fumetti del film Star Wars Episodio I – La Minaccia Fantasma (’99), curata da Kia Asamiya (autore dei manga Silent Möbius e Dark Angel).



Quel che qui ci preme sottolineare con la descrizione della reciproca influenza tra opere nipponiche e americane, è quanto siano affascinanti e potenzialmente molto fruttiferi i contatti e i reciproci scambi culturali tra due paesi apparentemente lontanissimi come gli USA e il Giappone, ma dove, in realtà, gli artisti possono accogliere con interesse, passione e curiosità opere prodotte in altri paesi o addirittura in altri continenti, arricchendo così il proprio bagaglio culturale e creando dei punti di contatto tra le loro culture e le loro nazioni, utili a favorire quell’integrazione culturale e quel dialogo tra popoli di origini diverse che oggigiorno fin troppo spesso mancano a causa della paura, della diffidenza e dell’intolleranza verso tutto ciò che proviene da paesi diversi da quello in cui si vive.

mercoledì 1 ottobre 2014

Venice Festival and back after a long summer...Rientro dopo una lunga estate




Hello there!
How are you? Sorry for no writing but I had lots of work and finally I can write back on the blog!
I missed a little this space! In the meantime I discovered some good cinemas with auteur movies!



Venice Festival : I've watched the show at home and I am waiting for some movies from Shinja Tsukamoto and Gabriele Salvatores. Let's see...
Famous people: Catherine Deneuve, Owen Wilson...and I disliked Belen, italian soubrette...
This must be a place for artist and movies not for bad celebrities...! Anyway lots of friends told me that there was an incredible atmosphere....
I was at Venice Festival some years ago and it is true : if you love cinema it's an awsome place to go!!



Talking about movies this summer i didn't see somethnig that I can say : magic! , but you know in summer normally there are not good movies....
I am waiting to go and see Luc Besson's Lucy with beautiful Scarlett Johannson and the wind rises by Miyazaki...let's see what will be the next cinema season schedule!
I let you some poster picture of movies that I saw this last time....see you with new review! 
Bye bye :)

Venice Festival Link: http://www.labiennale.org/en/cinema/




Godzilla 



Ciao amici!
Non vi ho dimenticato! Scusate la lunga assenza ma ho avuto molti impegni!
Il cinema non l'ho abbandonato anzi, ho visto diversi film e scoperto anche nuove sale e cinema molto di nicchia...con rassegne d'essai!

Il cinema di Venezia l'ho seguito da casa...anche se molte presenze sul parterre mi hanno deluso (una su tutte Belen). La mostra dovrebbe essere un palco per l'arte e per il cinema, non per le celebrità....
C'erano Owen Wilson, Catherine Deneuve e molti altri...Sono in attesa di vedere i film di Shinja Tsukamoto e quello di Gabriele Salvatores! Molti miei amici ci sono stati e hanno detto che comunque a Venezia c'è sempre un'atmosfera incredibile! Io c'ero stata qualche anno fa e sinceramente mi era piaciuto! Spero di tornarci...
Tornando a noi....sto aspettando di andare a vedere l'ultima opera di Miyazaki, purtroppo non lo proiettano nella mia città ma spero a breve di poterlo vedere!

Nel frattempo vi lascio con qualche locandina dei film che ho visto...niente di particolare che mi abbia colpito...Per quanto riguarda la fantascienza, sto aspettando Lucy di Luc Besson stiamo a vedere cosa ci prospetta la nuova stagione cinematografica!...
A presto per qualche ricca recensione! :)

Link della mostra del Cinema di Venezia: http://www.labiennale.org/it/cinema/ 




venerdì 18 aprile 2014

ARISE: GITS - I AM BACK! SI RIPARTE!




Hello World! I am back!
Recently I was at the cinema to watch ARISE - prequel of Ghost in the shell!
Beautiful comeback! I love this movie!
Point down for the drawings: we were used to amazing Masamune Shirow's drawings!
Now the design is more skinny and technical. Also Motoko Kusanagi the main character changed a lot. Do you like her? We were used to a mature Motoko and self-controlled while in Arise she is usually angry with the world and has to follow new cases. Maybe the author wanted to present her like growned up...

Ciao Mondo! Finalmente sono tornata!
Ebbene si: recentemente sono andata al cinema a vedere il prequel di Ghost in the Shell: ARISE! Un bellissimo ritorno per un anime che adoro e che ho seguito per lungo tempo!
Punto a sfavore per i disegni: eravamo abituati ai meravigliosi disegni di Masamune Shirow mentre ora il tratto è molto essenziale e scarno. Anche la protagonista Motoko Kusanagi è cambiata molto. Vi piace in queste nuove vesti? Ambientato prima di GITS, Motoko qui è giovane e la disegnano spesso incazzata e alle prese con nuovi combattimenti. Noi siamo abituati a vederla matura e decisa nelle sue posizioni. Forse è un modo per far vedere che il personaggio è maturato nel tempo...





In Arise we have two parts border 1 - ghost pain and border 2 - ghost whispers where the main character have to investigate to a new case. Batou and Motoko are enemies but soon they will collaborate together  in section 9...as we know...
After 18 years lots is changed. Like the soundtrack. I definitely love Kenji Kawai music but everything needs a refresh so for the prequel the soundtrack is by Cornelius. Famous in the nineties, Cornelius is a composer and dj and give to the anime a new sound impact. And also there are new characters....
Tell me your opinion about it! Do you like the new GITS? See ya for new reviews!

In Arise vi sono due parti : border 1 (ghost pain) e border 2 (ghost whispers) dove i protagonisti devono risolvere dei casi di omicidio, Motoko e Batou sono nemici ma presto collaboreranno insieme nella sezione 9...come tutti sappiamo!
Dopo 18 anni l'anime è cambiato molto. Anche la colonna sonora. Ho ancora il cd di Kenji Kawai il compositore precedente ma hanno preferito creare un nuovo look anche musicalmente inserendo la colonna sonora di Cornelius. Famoso negli anni 90, è un compositore e dj giapponese che dà un look fresco e nuovo all'anime.
Che ne pensate? Vi è piaciuto? Fatemi sapere i vostri commenti! Vi aspetto alla prossima recensione! Ciao a presto! :)

Arise Trailer : https://www.youtube.com/watch?v=LmlakdSH3G4
Arise Soundtrack: https://www.youtube.com/watch?v=9lzu5ST8CnM 

martedì 4 febbraio 2014

ANDROIDS LOVE


Nineties: and Bjork came out with this beautiful video of Chris Cunningham: All is full of Love.
Winner of awards I first saw it at Biennale of Venice in 1999 and I like so much!
This video represent the love between two androids and while they kiss it seems that they melt together even if they are made of plastic and metal. The art of Cunningham is famous for justappose reality and immagination and he takes ideas from sci-fi world. I adore him!
With Michael Gondry he creates the most beautiful and incredible music video of my teens and for this I cannot forget them. Finally: I can say that I love cinema but I am also a music videos fanatic searching everyday some good tunes on youtube....!


Another artist that speaks about the future is Mariko Mori. She combines spirituality and cyberculture. 
Born in 1967, Mariko moved to New York from Japan to found traditional art and pop art in a magic and visionary art. With tecnological instruments she realize ideal spaces of meditation and trascendence inspired by zen practicles. Her arts goes from manga culture to original and ancient times like Stonhenge. She takes inspiration from Andy Warhol's pop art to asian origins with computer graphics.
A nature lover, Mariko is an artist of the new generation that combines future and past. I really admire her.







Anni '90: Bjork esce su mtv con questo bellissimo video di Chris Cunningam intitolato "All is full of love".
Vincitore di numerosi premi ho potuto vederlo per la prima volta alla Biennale di Venezia l'anno di uscita del video nel 1999 e mi colpì moltissimo! Il video rappresenta l'amore tra due androidi e mentre si baciano sembra quasi che si fondono uno nell'altro anche se sono fatti di metallo. Cunningam è noto per creare composizioni ibride che riprende dalla fantascienza e ha la capacità di trasporre realtà con immaginazione. Lo adoro!
Insieme a Michael Gondry hanno creato i più bei video musicali della mia adolescenza e per questo non potrò mai dimenticarli. Ebbene si: oltre ad essere una fanatica di cinema mi piacciono molto i video musicali e ogni giorno clicco su youtube per cercare una musica che mi piace!

Un'altra artista poliedrica che mi ha sempre affascinato e parla del futuro è Mariko Mori che unisce spiritualità e cybercultura. Classe 1967, Mariko si è trasferita a New York dal Giappone per fondere arte tradizionale e pop art in un genere unico, visionario e magico. Attraverso mezzi tecnologici realizza spazi ideali di meditazione e trascendenza ispirate alle pratiche zen. La sua arte passa attraverso la cultura giapponese dei manga alla cultura occidentale dell'uomo primitivo ricreando ambienti primordiali come Stonhenge. Rivisita la cultura occidentale della pop art di Warhol attraverso la computer grafica per ritornare alle sue origini orientali.
Mariko ha la capacità di unire passato e futuro attraverso la natura.
Ho una grande ammirazione per quest'artista.



http://www.youtube.com/watch?v=EjAoBKagWQA - Bjork - All is full of love



  - Mariko Mori
Journey to seven light bay
English with italian subtitles














lunedì 20 gennaio 2014

TETSUO







A Man is running away in the city: he puts some strange metal objects in his body and he is hit by a car. The driver with his girlfriend hide the body of the man in a forest thinking that the man is dead.
Returning home the man raze himself. He found a metal stuck on his cheeck and slowly other parts of his body are transformed: he became a metal monster!
He thought it must be under a curse of some spirit (kami) because his girlfriend dies after making love with a mechanical penis...
There is a fight between the Ironman and his alter ego, the Metal fetishist. They melt together in one creature: half metal, half flesh.This creature runs at high speed along Tokyo's street to get the final destiny: be a weapon to destroy the world!



This kind of movie is not my favorite type...I am not fond of horror but I like the idea of man-machine, sci-fi's leitmotiv and also Tsukamoto Shinja's cyberpunk.

Black and White: a world where robot and men cohabit, harder they survive.

One is the world of flesh, a fluid movement. The other is a gray world and flat where everything is scrap-iron and cement.
In the background a noise music is beating mysterious, and grievous.The music in the movie represent the social desease in Japan, the society's alienation. Sharping and painful music of electrical motors follows the whole movie that see the main character always surrounded by metal.

This movie came out in 1989 and represent the 80'ies generation of economic bubble – the bubble generation. Is the expression of a generation's rebellion that came up with commercials and music videos.

Japan, hometown of tecnology, wants to escape and avoid all this mechanical progress and puts at centre the man with its fragility. This is Tetsuo: a man who try to escape from machines and men that suddenly became cyborgs possessed by mechanical pieces. All is guided by stop-motion techinque.

We can find today an analogy between the world still ruled by tecnology but also from sadly and dreadful illnesses.




Shinja Tsukamoto

Actor and director he takes inspirations by music videos and by making movies in super8 feature. In 1989 directed Tetsuo.

Winning at Venice Film Festival with Snake of June (Rokugatsu no hebi, 2002), he continues the Tetsuo saga with Tetsuo II: body hammer (1992) and Tetsuo: the bullet man (2009).He also took parts of movies as an actor such as Takashi Shimizu's Marebito (2004). There is a group of italianfan that follows him such as Enrico Ghezzi film critic. He presented the movie in his tv show Fuori Orario.





Un feticista innesta vari oggetti e parti metalliche nel proprio corpo e scappando per la città viene investito da un auto. Pensando di averlo ucciso, l’uomo alla guida, e la sua fidanzata, nascondono il presunto cadavere in un bosco. Mentre si rade, l'uomo scopre di avere un condensatore sulla guancia e pian piano altre parti del corpo si trasformano e lui diventa un mostro d'acciaio.
Non si capisce se sia la maledizione di qualche kami (spirito), ma anche la sua ragazza rimane coninvolta perché muore dopo l'ultimo amplesso penetrata da un pene meccanico.
Nello scontro finale fra l’uomo e il suo alter ego (il feticista), essi si fonderanno in un’unica creatura, parte macchina e parte carne, che attraversa le strade di Tokyo a ultravelocità per compiere il destino finale: un’arma capace di distruggere il mondo intero.


Personalmente non è il genere di film che preferisco, ma mi affascina il concetto uomo-macchina ripreso in tutti i film di fantascienza specialmente nel sottogenere cyberpunk di cui Tsukamoto si fa portavoce.
Bianco e nero: in un mondo dove coesistono uomini e macchine, difficile è la convivenza tra le due realtà.
Uno è il mondo della carne, del movimento morbido e fluido.L'altro è un mondo grigio e uniforme dove tutto è cemento e ferraglia.
Nel sottofondo una martellante musica noise a volte angosciante a volte misteriosa.La musica nel film vuole rappresentare il disagio della società nipponica, l'alienazione, caratterizzata dai ritmi frenetici dell'organizzazione sociale. Suoni stridenti di macchine e motori accompagnano il film che vede come protagonista un uomo circondato perennemente dal metallo. Uscito nel 1989, è' un film della generazione degli anni '80, del boom economico (Generazione bolla).
E' l'espressione di una ribellione, di una generazione nata con i videoclip e gli spot pubblicitari.
In Giappone dove regna la tecnologia vi è un tentativo di allontanarsi da tutto questo progresso. Questo è Tetsuo : un uomo che fugge dalle macchine, da uomini che diventano cyborg improvvisamente impossessati da pezzi di metallo che comandano le loro azioni.
Il tutto guidato dalla tecnica dello stop-motion. Potremmo trovare un' analogia con il mondo odierno dove siamo ancora circondati dalla tecnologia ma anche da spaventose malattie che invadono il nostro corpo.



Shinja Tsukamoto


Attore e regista, la sua opera trae spunto dall'estetica dei videoclips e dalla creazione di film in super -8. 
Nel 1989 dirige il film Tetsuo.

Premiato a Venezia con a Snake of june (Rokugatsu no hebi, 2002),
continua la saga di Tetsuo con Tetsuo II: body hammer (1992) e Tetsuo: the bullet man (2009) seguito dai suoi molti fan del genere tra cui Enrico Ghezzi che lo fa conoscere al pubblico italiano portandolo su rai tre nella trasmissione Fuori Orario.











lunedì 13 gennaio 2014

2014 : WELCOME NEW YEAR!


Hello and welcome to the new year! Did you have great party for new years eve? I went out for dinner with friends and had lot of fun. No movies in this case. But we put music from 90'ies so it seems to be in a movie! ahha
Follow to the Chinese Horoscope this is the year of the Horse : so welcome to new ideas and creations!
Next review will be on the famous 80'ies sci-fi movie TETSUO.
Did you see it? I am not fun of horror but this is kind different...have a look and see you soon!

Ciao e benvenuto nuovo anno! Allora vi siete divertiti a Capodanno? Io ho passato la serata a una cena in festa con amici. Niente film quindi! Ma siccome abbiamo messo musica anni '90 sembrava di essere dentro un film! :)
Scherzi a parte quest'anno secondo il calendario cinese è l'anno del Cavallo che verrà festeggiato a fine mese, quindi benvenute nuove idee e slanci positivi. La prossima recensione sarà sul film di fantascienza giapponese anni 80: Tetsuo.
L'avete mai visto? In parte è un film horror, genere che non amo particolarmente, ma alla fine si rivela un film di fantascienza per i temi trattati. Bene non mancate! Alla prossima lettura e a presto!